“Tu non vali niente!”

Carola era una ragazza appena ventenne, studiosa e molto attraente.

Una sera, uscendo con le amiche diretta ad una locale discoteca, incontra un gruppo di ragazzi.

Uno di questi, Marco, si avvicina a lei con modi molto gentili ed educati. Lui bello, moro, tutto muscoli e con un modo di fare a cui una donna, soprattutto giovane come Carola, difficilmente resiste.

Un piccolo scambio di parole e lui, improvvisamente, tira fuori un biglietto da visita con su scritto “Marco Cantaldi. Investigatore privato. Tel. 340*******” e le dice “Sei simpatica. Questo è il mio numero, se ti va chiamami uno di questi giorni” e le fa l’occhiolino.

Carola e le sue amiche continuano per la loro strada, quella che porta ad una nota discoteca cittadina, frequentata ogni sabato da centinaia di ragazze e ragazzi di ogni età.
La serata in discoteca trascorre molto bene. La giovane si diverte fino a tarda notte e, un po’ brilla, torna a casa.

Il giorno dopo, però, si ricorda ancora di quel ragazzo dai modi gentili e nobili che le aveva parlato la sera prima e, senza quasi pensarci, lo chiama.

“Marco, sono Carola, la ragazza con cui hai parlato ieri, mentre andavamo allo Zante…ti ricordi di me?”

La sua risposta è sorprendente: “Certo Carola, mi ricordo perfettamente! Come dimenticare una ragazza così graziosa ed educata? Non potrei mai! Che dici, ci vediamo stasera in pizzeria? O preferisci una cena più romantica?”

Carola rimane un po’ in silenzio, forse spiazzata da quella domanda. Poi si fa coraggio e dice: “No no, va bene pizzeria. In fondo sono un maschiaccio, non sono per le finezze”

E così, la sera stessa, Carola esce e va in pizzeria con Marco.

E’ l’inizio di una frequentazione che diventa sempre più assidua fino alla proposta di Marco: andare a vivere assieme.

Carola, ormai innamorata persa, non ci pensa neanche mezzo secondo ed accetta la proposta di lui, di quel ragazzo tanto gentile e protettivo che l’aveva amata sin dal primo sguardo.

Dopo qualche mese, però, Carola si accorge che il comportamento gentile si è affievolito. Marco, inizialmente carino ed amorevole, si è irrigidito e non la fa più sentire la Regina di prima.

Il tempo passa e Marco diventa sempre più oppressivo, sfuggente e riservato. Ad ogni ora dice di dover uscire per lavoro e, senza ulteriori spiegazioni, si infila la giacca e va via.

Lei, inizialmente, pensa che sia dovuto al suo impiego di investigatore.

Ma continua a non capire. Marco, quel ragazzo gentile che l’aveva fatta innamorare, è diventato un altro. Impaziente, scorbutico, insolente. Ogni giorno la fa sentire inadeguata e la opprime.

Un giorno lei le prepara le lasagne: “Amore, guarda, ti ho fatto le lasagne”.
“Cazzo, Carola, c’è troppa besciamella!”.

I suoi comportamenti diventano sempre più tremendi, facendo cadere in depressione la povera Carola che, un giorno, perde i sensi.

La storia durata vari mesi finisce il 31 ottobre. La sera di Halloween lui, in uno scatto d’ira, le augura la morte, ennesimo atto di violenza psicologica.

Ma Carola, nonostante molto giovane, non si da per vinta e lo denuncia.

E’ l’inizio della libertà.

Ora, Carola, 30 anni, ha 2 figli ed un marito che la ama…stavolta veramente.”

Pubblicato da daniel

Ciao. Mi chiamo Daniel e questo è il mio sito. Per info e curiosità contattatemi!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: