L’Aquila: 9 anni, ma nulla è cambiato.

Sono passati 9 anni da quel tragico 6 aprile 2009, quando L’Aquila venne svegliata da una potentissima scossa di terremoto che distrusse, per sempre, la tranquillità dei cittadini.

La scossa, di magnitudo 6.3, causò morte e distruzione ed alla fine delle ricerche, i soccorritori si trovarono davanti ad uno scenario quasi da guerra: 309 persone decedute.

Da allora nulla è più lo stesso. Nella città abruzzese, su più di 1000 attività economiche, solo 60 hanno potuto riaprire ed anche gli abitanti stessi, nella maggior parte, hanno dovuto trasferirsi in moduli abitativi “home made”, dichiarati – beffa nella disgrazia – abusivi e che quindi, per legge, devono essere abbattuti entro 3 mesi da quando sono stati costruiti.

Un dramma nel dramma che non giova assolutamente alla psiche della popolazione terremotata.
Una signora, in un servizio del TG5, ha dichiarato che tutti si sono prodigati a parole a dare man forte, ma che all’atto pratico nessuno ha mosso un dito.

Ora la città è spettrale, ancora piena di macerie e con i danni ancora ben visibili. Più che una città, sembra lo spettro di essa, con cantieri aperti ed edifici semi-distrutti che, forse, rimarranno lì ancora per tanti anni. In pieno stile italiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.