Mondiale: la maledizione del vincitore.

Grande sorpresa e sconforto in Germania per il capitombolo della nazionale tedesca al cospetto della Corea del Sud.

A fare ancora più scalpore è il prodigarsi di quella che è una vera maledizione, definibile come “la maledizione del vincitore”.

Negli ultimi 3 mondiali, infatti, il vincitore è costantemente uscito al termine dei gironi.

Successe all’Italia, vincitrice contro la Francia nel 2006 ed eliminata al mondiale successivo in Sudafrica, è capitato ora ai tedeschi che, dopo la grande vittoria nel 2014, si dimenticano come si gioca a calcio e, dopo la disfatta col Messico (non accadeva dall’82) ed il deludente pareggio con la Svezia, perde anche con la Corea del Sud.

Una sorta di maledizione preannunciata quella che ha colpito la Deutsche Mannschaft, che paga sicuramente gli sberleffi contro la nostra Nazionale, rea di non essersi qualificata a Russia 2018.

A rendere tutto più “tenero” il fatto che la Nazionale killer della Germania è stata la Corea del Sud, vincente per 2 a 0 e, per chi lo ricorda, fautrice dell’eliminazione del 2002 ai danni dell’Italia.

Insomma, ci sono voluti 16 anni, ma il karma ha punito chi ci derideva e continua a farlo.