L’infame.

“28 agosto 1999.

I grilli cantavano festanti ed il vociare dei bambini che giocavano in piazza allietava la calda sera di fine estate.

Una bellissima serata, ma ad un tratto l’urlo assordante delle sirene, accompagnato dal bagliore delle luci stroboscopiche blu, squarcia la tranquillità dell’intero paese.

Gli agenti, intervenuti a sirene spiegate, circondano la palazzina proprio di fronte a me. Dopo pochi minuti, il silenzio. Le sirene si spengono così come le luci lampeggianti. Non è dato sapere cosa stia succedendo nel palazzo di fronte.

Ad un tratto qualcosa si muove. Escono due uomini in giacca e cravatta, di un’eleganza smodata, seri e compassati. Scruto, nei loro occhi, una piccola soddisfazione. Appena qualche secondo ed escono altri uomini con la pettorina classica della Polizia ed un uomo che, data l’ora e probabilmente la stanchezza lavorativa, pareva vestito solo in pigiama, con lo sguardo assonnato di chi, forse, si era appisolato guardando la televisione.

Mi colpì molto il suo sguardo. Pareva assonnato, ma ancora di più pareva incredulo e triste. Quasi sembrava in shock per quello che, poi, si capì essere l’arresto.

L’accusa, seppi giorni dopo, fu delle più infamanti: omicidio, come direbbero gli americani, di primo grado. Si tratta della fattispecie più grave, l’assassinio volontario di una persona.

Rimasi stranito alla notizia.

Conoscevo di vista quell’uomo e tutto avrei pensato, meno che fosse un omicida. Ricordo un giorno in cui ci parlai e rimasi colpito dalla sua personalità, gentile e garbata. Era sì un uomo deciso, ma talmente deciso da compiere un omicidio proprio no. Non ci potevo credere.
Fu arrestato sulla base di un testimone che, a suo dire, lo aveva visto mentre spingeva con forza una persona sotto il treno che passava in corsa alla stazione.

Passarono parecchi anni. Sentii che quell’uomo fu condannato in primo grado a 30 anni di carcere per omicidio volontario aggravato dai futili motivi.
Un’accusa a cui non credevo.

Fu per questo che, anche se non avevo rapporti personali con quell’uomo, mi misi ad indagare.

Non sono né un detective né un agente di polizia, ma un semplice ragazzo con sete di giustizia.

Cominciai a carpire quante più informazioni possibili sull’assassino e la sua vittima. Sulle loro famiglie.

Parlai a lungo persino col testimone presunto del fatto.

Ci misi anni ma arrivai alla verità. L’uomo arrestato era stato incastrato.

Come lo scoprii?

Semplice, feci parlare il teste dell’omicidio che, onestamente, non conoscevo.

Ho un animo abbastanza provocatore e fu grazie a questo che riuscii a farlo parlare nel pieno della sincerità e franchezza.

Mi raccontò che colui che aveva indicato come assassino, in realtà, era un suo ex socio d’affari con cui aveva diviso la proprietà di una piccola azienda.
Purtroppo per l’accusato, un bel giorno trovò il caro socio con le “mani nella marmellata”. Stava distraendo dei ricavi della piccola azienda di cui erano proprietari per avere più soldi da giocare.

Era un ludopatico. Giocava più volte al giorno, senza mai smettere per diverse ore.

Il mio dirimpettaio era il socio di maggioranza, colui che deteneva la titolarità delle azioni da intraprendere e colui che assumeva le decisioni fondamentali per la vita economica e gestionale dell’azienda.

Quando trovò il socio con le mani nel sacco si arrabbiò molto, tanto da voler rilevare le sue quote e liquidarlo in malo modo.

Ricordo che il socio fedifrago mi disse: “Non lo sopportavo. Mi disse . Non potevo permettermi una denuncia, così appresi del ritrovamento del cadavere di una giovane qui vicino e mi inventai tutto. Dissi alla polizia che ero testimone di un omicidio, l’omicidio della ragazza, e da qui partì tutto”.

“Mi volevo vendicare per quello che era successo” – continuò – “ed il solo modo era quello di infamarlo.”

“Bello stronzo” dissi io.

“Cosa potevo fare?” mi rispose “Ho moglie e due figli ed una denuncia mi avrebbe tolto dalla loro vita per sempre. Mia moglie è molto rigida ed io non potevo nascondere la mia malattia.”

“Malattia?” chiesi sorpreso.

“Sì, malattia. Gioco e sono consapevole di rovinarmi, ma non so smettere”.

“E così infami un uomo e macchi di un’onta terribile una persona per la tua stupida, ignorante malattia??” dissi seccatissimo.

Non so cosa mi tenne dal rifilargli un pugno in faccia.
Sta di fatto che pochi giorni dopo rividi quel disgraziato e gli dissi “Sai, ho pensato bene alla chiacchierata dell’altro giorno e sono dell’idea che devi andare dagli agenti a dire la verità.”

Lui subito rise, ma poi ci pensò bene e disse “Senti, dammi una mano. Non voglio andare da solo.”

“Ok” gli dissi. E lo accompagnai al Commissariato più vicino.

Qualche settimana dopo la svolta. Vidi nuovamente le pattuglie della prima sera. Questa volta niente urla delle sirene, né bagliori blu. Solo tanta gentilezza ed un uomo sollevato e sorridente. La giustizia era fatta e lui tornò libero. Libero dall’accusa infamante, libero di tornare alla sua famiglia ed al suo unico amore, la sua donna.

Negli stessi minuti, il secondo uomo, quello vendicativo e bastardo, venne prelevato. Questa volta era lui nei guai.

Si scoprì pochi mesi dopo, dalle indagini sull’omicidio, che l’assassino era proprio quel testimone, tanto falso quanto cattivo, che tempo prima aveva accusato un innocente.

Fu condannato all’ergastolo e dovette risarcire il malcapitato di turno che, in modo molto pacato e quasi piangendo, mi ringraziò.

Non rividi più nessuno dei due, né fui contattato dagli agenti, ma una cosa era certa. Avevo aiutato un innocente ad essere un uomo libero e la giustizia ad essere veramente giusta.”

8 risposte a "L’infame."

  1. A parte lo stile di scrittura evidentemente senza basi, povero e in alcune parti addirittura incoerente con i tempi verbali, definire “stupida ed ignorante malattia” una ludopatia mi pare indice di profonda ignoranza.

    Mi piace

    1. Caro Luca,
      Ho letto il tuo commento e, per quanto riguarda la prima parte, lo trovo in linea con una normale critica tecnica, fattore che apprezzo molto.
      Tuttavia la seconda parte del commento, specialmente per l’epiteto espresso, lo trovo offensivo e solo per quello avrei potuto eliminarlo.
      Ti ringrazio in ogni caso per la critica tecnica, della quale farò tesoro per i prossimi scritti.

      Mi piace

  2. Quale epiteto? Forse è il caso di ripassare le definizioni delle parole prima di usarle. Non si senta offeso, ho solamente constatato che lei risulta, da quello che scrive, ignorante riguardo le ludopatie e che definirle in quel modo è estremamente offensivo per chi lotta ogni giorno.

    Mi piace

    1. Nella ludopatia, al contrario di altre malattie vere, l’inizio ha una base volontaria. Mi spiego: io non ho mai avuto la tentazione di andare verso un Gratta e vinci, verso una slot machine, o verso altre cose di questo genere. Chi lo fa è perchè vuole. Poi che subentri una specie di “abitudine” al gioco, uguale a quella da sigarette, ok. Ma non la definirei malattia, la definirei “vizio”.

      Mi piace

      1. Peccato che il DSM lo registri sotto i disturbi del controllo dell’impulso quindi uno stato patologico a tutti gli effetti. Dire che sia un vizio e che non sia una malattia vera è aberrante a livelli illogici e dimostra, come le è già stato detto, la sua totale ignoranza riguardo a questi argomenti. Allora l’obesità? L’anoressia? La bulimia? La dipendenza da droghe? Sono malattie inventate? Si informi prima di scrivere certe cose, oltre a rileggere i testi prima di pubblicarli per evitare orrori di stile e concordanza.

        Mi piace

        1. Cara Giulix88,
          innanzitutto mi scuso del ritardo nella risposta, ma non avevo ancora avuto occasione per risponderLe. Vorrei spiegare che il termine utilizzato non è in senso stretto, dato che, visti gli effetti sulla persona e sulle famiglie coinvolte, la ludopatia è un gravissimo danno. Il termine era relativo alle motivazioni che hanno spinto il personaggio ad accusare un innocente di omicidio per coprire il suo essere stato allontanato dall’accusato per la ludopatia che lo affliggeva. Tutto lì. Forse il mio discorso è stato frainteso, ma era più “un senso lato” che un senso proprio del termine “stupida malattia”. La ludopatia, in ogni caso, è un problema fortissimo per quanto, a differenza dall’anoressia, bulimia o obesità, parte da una base volontaria. Ripeto, io non mi sono mai avvicinato ad una slot machine od al Lotto o altri giochi “monetizzati” e non sono minimamente interessato a farlo. Chi ci si avvicina, lo fa perché vuole farlo, così come le droghe. Poi, che diventi dipendenza è un altro discorso. Però, nell’insieme del mio racconto, valuto come una stupidaggine una ludopatia a fronte di un’accusa di omicidio.

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.