Loris, Corte conferma 30 anni a madre.

La Corte d’Assise d’Appello di Catania ha confermato, in data odierna, la condanna inflitta in primo grado a Veronica Panarello per omicidio ed occultamento di cadavere.

La donna, madre di un bambino, era accusata di aver ucciso il figlio di allora 8 anni con una fascetta da elettricista e per questo aveva ricevuto una prima condanna a 30 anni.

Oggi si è chiuso il processo di secondo grado che ha visto la donna condannata nuovamente alla stessa pena.

Alla lettura del dispositivo dei giudici, la donna ha iniziato ad urlare ed ha scandito a chiare lettere le parole “E’ colpa tua! Io ti ammazzo” rivolgendosi al suocero, accusato fin da subito dalla donna di aver commesso l’omicidio per aver scoperto una relazione extraconiugale.

Ora, in attesa delle motivazioni, la difesa sta studiando un eventuale ricorso in Cassazione, per valutare la bontà del dispositivo di condanna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.