Ancona: tragedia al concerto di Sfera Ebbasta.

Un evento che doveva essere di festa che diventa tragedia.

E’ quello che è accaduto nella serata di ieri alle porte di Ancona, durante il concerto del noto trapper italiano Sfera Ebbasta.

Per ragioni ancora al vaglio degli inquirenti, si è creata una gravissima scena di panico che ha indotto tutti i presenti (per la maggior parte ragazzini e ragazzine tra i 14 ed i 16 anni) a scappare.

L’enorme ressa che si è creata si è tramutata in tragedia quando, per il peso eccessivo, una balaustra è crollata, con alcuni ragazzi caduti un metro sotto e schiacciati dalle altre persone che erano nella folla.

Il bilancio è impressionante: 5 ragazzini ed una madre sono deceduti, mentre altre 7 sono state trasportate all’ospedale e sarebbero in pericolo di vita.

Sembra che all’origine del panico ci sia un episodio: una ragazzina che, forse per un’aggressione, ha spruzzato in aria dello spray al peperoncino che ha reso l’aria irrespirabile.

Dalle prime indagini, inoltre, emergerebbero gravi responsabilità da parte del gestore del locale che ha permesso a più di mille persone di entrare al concerto a fronte di una capienza di 800. Una delle uscite di sicurezza, poi, è risultata chiusa, situazione che ha favorito, a quanto pare, la tragedia.

Sul posto si sta recando il premier Conte che ha voluto esprimere personalmente la propria vicinanza alle famiglie e comprendere a fondo le cause della tragedia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.