Coronavirus: Governo smorza l’allarme.

Il Governo italiano tenta di smorzare l’allarme Coronavirus.

Dopo aver creato, probabilmente involontariamente, il panico la squadra di Conte fa dietrofront ed annuncia che la situazione è meno grave di quello che si possa pensare.

Continuano, intanto, a registrarsi nuovi casi dentro e fuori dal nostro Paese, ma per l’Oms non è ancora il momento di dichiarare la pandemia.

Nei nostri confini abbiamo, finora, 17 vittime causate dal virus, tutte persone con problemi gravissimi di salute, ma si registrano anche decine di guariti, che come dice il Ministero della Salute hanno avuto solo una positività di lieve entità, con sintomi molto simili a quelli della normale influenza.

Si ricordi che i Coronavirus (presenti a migliaia nel mondo) sono i tipici virus influenzali con sintomatologia variabile a seconda della tipologia.

Esempi, negli ultimi 20 anni, di Coronavirus sono stati la Sars e la Mers, che, però, a differenza del Covid-19, avevano mortalità inferiore e, soprattutto, virulenza meno accentuata.

Intanto dallo “Spallanzani” arriva la notizia che il ceppo italiano del virus è stato isolato ed i ricercatori stanno tentando di trovare una cura efficace, nonostante la continua mutabilità del virus che, da come è stato rilevato, si è già modificato rispetto al ceppo cinese.

Coronavirus: dodicesima vittima. Il mondo ostracizza l’Italia.

C’è una nuova vittima, la numero 12, per l’emergenza italiana sul Coronavirus.

Si tratta di un sessantanovenne a Rimini.

Intanto cresce la preoccupazione all’estero per quello che sono viaggi e permanenze dei nostri connazionali, visti sempre di più con sospetto ed inquietudine.

L’ultima notizia in questo senso arriva dai Caraibi, dove la nave da crociera MSC Meraviglia è stata respinta sia dal porto di  Ocho Rios, in Giamaica, che da quello di Georgetown a causa della segnalazione, da parte del comandante, dello stato influenzale di uno dei passeggeri (in tutto la nave ospita 4500 passeggeri e 1600 uomini dell’equipaggio).

E’ solo l’ultimo episodio di rifiuto nei confronti di mezzi e persone italiane che, esclusa la Gran Bretagna, ormai hanno le porte chiuse dappertutto nel mondo.

Forti lamentele da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che definisce inaccettabile il comportamento tenuto dalle altre Nazioni e chiede più rispetto, lamentela però inascoltata, con persino l’Unione Europea che stringe il morso ed impone ai deputati dell’Europarlamento di stare in quarantena i 14 giorni previsti, qualora venissero a contatto con persone provenienti dalle Regioni italiane colpite o fossero stati nell’ultimo periodo in queste zone.

Salgono intanto a oltre 400 i contagi accertati, giustificati, a dire del Ministero della Salute, dal fatto che l’Italia ha effettuato migliaia di test, al contrario delle altre Nazioni d’Europa.

Coronavirus: nuovi contagi. Dieci vittime.

E’ salito il numero dei contagi e delle vittime del Coronavirus in Italia.

Al momento si parla di oltre 300 persone contagiate, con 10 vittime, pazienti per lo più anziani con patologie già gravi, ma il numero, si teme, salirà ancora.

Intanto spuntano nuovi casi anche in altre Nazioni, finora evitate dall’infezione: Algeria, Tenerife, Svizzera, Francia, Spagna, Germania, Seychelles e Mauritius contano i primi contagi, quasi tutti su pazienti italiani.

Al momento, solo in Cina il virus sembra rallentare la propria corsa, registrando il numero più basso di vittime delle ultime 2 settimane.

Falsi allarmi e fake news dal Piemonte, dove qualche “bontempone” ha messo in giro voci su possibili contagi in provincia di Alessandria, ma fonti ufficiali parlano di zero contagi e solo un sospetto tale a Viguzzolo (AL).

Coronavirus: 229 casi. Sei vittime.

Sono diventate 229 le vittime accertate per l’epidemia di Coronavirus Covid-2019 che sta colpendo in queste settimane l’Italia.

A seguito, sembra, dell’infezione si sono verificate 6 morti sospette, tutte persone anziane, già debilitate o con un quadro clinico compromesso.

Al momento, secondo quanto afferma il Ministero della Salute, non ci sarebbero altri focolai in formazione, ma la situazione permane di massima allerta, come si rileva dalle drastiche misure che alcune Regioni, tra cui il Piemonte, hanno varato.

Divieti di manifestazioni pubbliche e private, sospese tutte le funzioni religiose, convegni, assemblee ed ogni incontro che prevedesse assembramento di persone.

Si ricorda che, per chi non rispetta queste ordinanze, potrebbe essere intrapresa azione penale con arresto fino a 3 mesi e l’ammenda fino a 206 euro, a norma dell’art. 650 C.P.

Virus: nuovi casi. Treno bloccato al Brennero.

Nuovi casi di Coronavirus in Italia.

Nelle scorse ore si son registrati 3 casi in Trentino Alto Adige e gli infetti in Lombardia son saliti a 110.

Bloccato, nel pomeriggio di ieri, un treno diretto in Austria, per la presenza di due persone che avrebbero presentato, secondo le autorità austriache, i sintomi dell’infezione.

Smentita da parte italiana, che dichiara non esserci emergenza sul convoglio, ma per sicurezza l’Austria ha vietato l’ingresso e tutti i passeggeri hanno tentato di raggiungere il confine con un altro treno.

Intanto le borse asiatiche sono in crollo, con la borsa coreana che ha registrato un -3,01% a seguito della presenza di 763 casi accertati.

Misure dure in Italia, dove la quarantena è stata estesa a tutto il Lodigiano ed in Piemonte sono state sospese tutte le manifestazioni che possano registrare un assembramento di persone.

Coronavirus: stop a scuole ed eventi in Piemonte.

La Regione Piemonte, a seguito dell’emergenza Coronavirus (3 casi nella Regione), ha emanato questa sera un’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado in tutta la Regione.

A questo si aggiunge la revoca di autorizzazione a tutti gli eventi, manifestazioni pubbliche e private, che portino all’assembramento di più persone.

Annullati pertanto eventi e manifestazioni anche di carattere rilevante e chiuse molte attività ludiche, culturali e di spettacolo.

Emesse ordinanze anche dai singoli comuni, che possono decidere in autonomia se restringere ancora i limiti dell’ordinanza della Regione oppure ottemperare solo ad essa.

Sono intanto saliti a 152 i casi di infezione in Italia, di cui soli 3 in Piemonte.

Coronavirus: terza vittima italiana.

C’è una terza morte sospetta in Italia nell’emergenza Coronavirus.

Un’anziana ricoverata presso l’ospedale di Crema è deceduta in data odierna. Alla signora era stato riscontrato il virus ma, al momento, non è certo che sia questa la causa della morte.

La donna si trovava ricoverata, già con un quadro clinico grave, nel reparto di Oncologia del nosocomio di Crema e questa situazione di salute già compromessa potrebbe aver causato il decesso della donna.

Coronavirus: scuole chiuse in 4 Regioni.

Scuole chiuse in 4 Regioni.

Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Veneto hanno deciso di sospendere le lezioni in tutte le scuole di ogni ordine e grado per una settimana.

Intanto si moltiplicano i casi di positività al virus, con nuovi casi a Torino ed in Veneto.

Sospese in Lombardia tutte le attività pubbliche, compreso il campionato di serie A.

Sospeso con effetto immediato il Carnevale di Venezia a scopo precauzionale dopo i primi 2 casi di coronavirus confermati.

Al momento i casi confermati in Italia sono oltre 100, ma destinati ad aumentare.

Si ricorda, in caso di potenziale contagio, di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare il numero unico 112 ed il numero 1500 del Ministero della Salute.

Coronavirus: stop a sport e attività pubbliche.

Stop alle manifestazioni di ogni tipo ed attività commerciali chiuse.

Questa la decisione del consiglio dei ministri straordinario riunitosi alle 18.30 di oggi.

Alla riunione era presente anche il capo della protezione civile ed il commissario straordinario per l’emergenza Borelli.

Intanto arriva una buona notizia dal Piemonte: i 15 sotto osservazione sono tutti risultati negativi.

Coronavirus: alle 18.30 Consiglio dei Ministri straordinario.

È previsto per le 18.30 di oggi un CdM straordinario alla presenza del commissario straordinario per l’emergenza Borelli ed il capo della Protezione Civile.

Conferenza stampa del premier Conte alle ore 19 per chiarire le eventuali misure per evitare l’espansione pandemica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: