Olimpiadi: Jacobs Re dei 100 metri.

I 100 metri di atletica di Tokyo2020 parlano italiano!

Marcel Jacobs, nato in Texas e naturalizzato italiano vince la prestigiosa gara e stabilisce con 9.80 secondi il nuovo record europeo.

Si tratta della prima medaglia d’oro in questa specialità nella storia olimpica azzurra.

Altro oro, questa volta ad ex aequo, a “Gimbo” Tamberi nel salto in alto.

Olimpiadi Tokyo: italiani in grande forma.

Ancora medaglie per l’Italia nei Giochi Olimpici che si stanno svolgendo in questi giorni a Tokyo

Dopo l’oro di Dell’Aquila e l’argento di Samele nella prima giornata dei Giochi, arrivano altre 7 medaglie. Sono 3 gli argenti conquistati dagli azzurri, il più incredibile nella staffetta 4×100 stile libero maschile, medaglia storica per l’Italia. 4 invece le medaglie di bronzo arrivate in questi giorni.

Qualificazione thriller per Federica Pellegrini, apparsa affaticata è qualificata in semifinale con il 15º tempo.

Delusione da Cassarà e dall’olimpionico in carica Basile nel judo.

Giochi Olimpici: prime medaglie per l’Italia.

Primo giorno ufficiale di gare olimpiche e prime due medaglie per l’Italia.

Il primo “premiato” azzurro è Luigi Samele nella sciabola che viene battuto 15-7 dall’ungherese Aron Szilagy in finale. Si tratta per l’italiano della prima medaglia olimpica, guadagnata grazie ad una gran rimonta con il coreano Kim in semifinale.

Troppo forte per lui l’ungherese che raggiunge così 3 ori olimpici in altrettante olimpiadi.

Seconda medaglia, questa volta d’oro, arrivata poco fa dal taekwondo.

Il nostro Dell’Aquila si aggiudica la finale maschile con una prestazione da urlo contro il più quotato tunisino Jendoubi nella categoria -58 kg.

Per l’Italia si tratta del ritorno al successo in questa disciplina dopo l’oro del 2012 di Carlo Molfetta. Una curiosità: entrambi i medagliati (Molfetta e Dell’Aquila) sono della provincia di Brindisi.

Autobus a fuoco: salvi 25 bambini.

Incredibile incidente in una galleria autostradale in provincia di Lecco.

Un autobus con 25 bambini a bordo ha improvvisamente preso fuoco. L’autista, però, un volontario della Croce Rossa Italiana, si è accorto in tempo che c’era qualcosa che non andava ed ha fermato immediatamente il mezzo, facendo scendere e mettendo in salvo tutti i giovani passeggeri.

All’arrivo delle squadre di soccorso, il mezzo era completamente divorato delle fiamme, ma né l’autista né i ragazzi hanno avuto bisogno delle cure del 118, anche se 7 di loro sono stati portati in ospedale a puro scopo precauzionale.

L’uomo, Mauro Mascetti, è volontario C.R.I. da 25 anni e, forse, proprio la prontezza di spirito derivante dal suo ruolo, oltre alla preparazione fornita nei corsi di formazione, hanno permesso di evitare una tragedia che, altrimenti, sarebbe stata difficile da evitare.

Italia Campione d’Europa!

11 luglio 1982 – 11 luglio 2021. Stesso giorno, altro risultato importante.

La nazionale italiana di calcio del CT Roberto Mancini si aggiudica la finale contro la fortissima nazionale inglese.

Inizio shock per gli azzurri che passano in svantaggio dopo 2 minuti con un gran gol di Shaw.

Italia arrembante, ma la difesa inglese regge.

Nel secondo tempo Italia sugli scudi. Pickford salva su Chiesa al 62’, ma l’Italia passa con Bonucci al 67’.

La parità rimane per tutto il secondo tempo ed anche per i supplementari.

Ai rigori errore di Belotti, ma gli azzurri si aggiudicano la sfida 3-2 e si laureano Campioni d’Europa.

Inghilterra-Italia: ci siamo!

Meno di un’ora dall’inizio della finale degli Europei di calcio.

Inghilterra-Italia non è solo una partita di calcio. E’ storia, è una lotta tra due Nazioni rinnovate e ritrovate.

Per l’Italia c’è anche un piccolo ricordo riguardante la data. Infatti, l’11 luglio 1982 la nazionale italiana vinceva il mondiale di calcio. Una data che potrebbe, quindi, rivelarsi un portafortuna.

Anche i precedenti, seppur di poco, ci danno ragione, con l’Italia in vantaggio 10-8 nei confronti diretti con gli inglesi.

Tuttavia, la nazionale di Southgate avrà dalla propria parte il pubblico, visto che la partita si giocherà nel suggestivo stadio di Wembley, un vero tempio del calcio.

Come finirà?

A tra poco per il calcio d’inizio!

Wimbledon: vince Djokovic

Sfuma il sogno di Matteo Berrettini.

Il tennista romano tiene solo un set contro il n. 1 al mondo Novak Djokovic, ma incassa la (pronosticata) sconfitta sul centrale di Wimbledon.

Inizio spumeggiante. Djokovic, che comincia la partita con un doppio fallo, sale 5-2 nel primo set, ma si fa recuperare fino al tie break, vinto da Berrettini 7-4.

Secondo set dall’inizio tremendo per il 25enne italiano che finisce sotto 4-0, ma rimonta per poi chiudere in svantaggio 6-4.

Il terzo e quarto set, poi, sono senza storia e Nole chiude agilmente, nonostante il tentativo di Matteo che, nel sussulto finale, riesce ad annullare 2 match points, ma consegna di fatto a Nole, con qualche errore di troppo, il suo 6° Wimbledon ed il 20° Slam in carriera.

Wimbledon femminile: vince la Barty

È l’australiana Ashleigh Barty la campionessa 2021 del prestigioso torneo di Wimbledon.

La n. 1 al mondo batte in 3 set la n. 7 del seeding Karolina Pliskova e si porta a casa il primo titolo sull’erba inglese della sua carriera.

Per la Barty non è stata, comunque una passeggiata. La Pliskova, infatti, nel secondo set ha un sussulto di orgoglio e vince 7-6 al tie break, salvo poi cedere terzo set e titolo all’australiana.

Grande gioia in Australia per questo titolo che da un po’ di storia. Si tratta infatti della prima vittoria di Wimbledon per un’australiana negli ultimi 40 anni. L’ultima a vincere in terra londinese, infatti, è stata Evonne Goolagong nel 1981.

Wimbledon: finale sarà Djokovic-Berrettini.

Come da pronostico, sarà Novak Djokovic l’avversario di Matteo Berrettini nella finale del torneo di Wimbledon.

Il campione serbo ha battuto nella seconda semifinale il canadese Shapovalov in 3 set.

Per Nole si tratta della 30esima finale in uno slam e, domenica, cercherà la sua ventesima vittoria nei 4 tornei dello Slam. Se dovesse battere il tennista romano si tratterebbe, per lui, del sesto sigillo nel prestigioso torneo inglese.

Finale ore 15.00 italiane.

Berrettini nella storia: è finale a Wimbledon!

Stratosferico Berrettini!

Il 25enne tennista romano conquista la finale del torneo Slam di Wimbledon battendo in 4 set Hurkacz.

Si tratta della sua prima finale in uno slam, maturata con una gara sontuosa, equilibrata solo a tratti.

Domenica il nostro tennista affronterà il vincente tra Novak Djokovic e Shapovalov che si affrontano in questi minuti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: